Author:

Terremoto in Marocco e alluvione in Libia: Caritas di Termoli-Larino invita a contribuire per gli interventi: come fare

Non si spengono i riflettori sulla grave emergenza che stanno vivendo il Marocco e la Libia dopo i tragici eventi, un terremoto e un alluvione, che hanno colpito i due Paesi nordafricani poche settimane fa.

Immediato l’intervento di Caritas italiana in Marocco dove, in collaborazione con Caritas Marocco e Caritas Internationalis, si sta provvedendo a fornire aiuti immediati e a mappare i bisogni in vista di un sostegno di medio – lungo periodo. Molto difficile la situazione anche in Libia a seguito delle spaventose alluvioni che hanno provocato, secondo stime dell’ONU, oltre 4.000 vittime, 9.000 dispersi e 40.000 sfollati.

Per entrambi i Paesi, si raccomanda di non inviare aiuti materiali. La Caritas diocesana di Termoli – Larino invita a contribuire  agli interventi di Caritas Italiana per questa emergenza, utilizzando il conto corrente postale n. 347013, il sito donazioni.caritas.it o tramite bonifico bancario specificando nella causale “Terremoto Marocco” o “Emergenza Libia”:

• Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 24 C 05018 03200 00001 3331 111
• Banca Intesa Sanpaolo, Fil. Accentrata Ter S, Roma – Iban: IT 66 W 03069 09606 100000012474
• Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT 91 P 07601 03200 000000347013
• UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063 119

Terremoto, vicini e solidali con sorelle e fratelli in Marocco – COME AIUTARE

Marocco devastato nella notte da una forte scossa di terremoto (magnitudo 6.8 della scala Richter). Colpita in particolare la regione di Marrakech. Le vittime si contano a centinaia e così anche i feriti. Migliaia le persone senza alloggio e ingenti i danni materiali.

Caritas Rabat si è attivata con la sua Equipe, sta contattando le parrocchie colpite e si sta organizzando per l’assistenza alle persone sfollate.

La Conferenza Episcopale Italiana ha espresso solidarietà alla popolazione del Marocco.  Come forma di aiuto immediata, ha deciso lo stanziamento di 300mila euro dai fondi 8xmille che i cittadini destinano alla Chiesa cattolica.

“Alle sorelle e ai fratelli del Marocco giunga il nostro profondo cordoglio e la nostra vicinanza. Facendoci prossimi alla popolazione provata da questo tragico evento, preghiamo per le vittime e i loro familiari. Assicuriamo inoltre il sostegno delle nostre Chiese, stringendoci a tutti coloro che sono stati colpiti da questa calamità e alla comunità marocchina in Italia ferita negli affetti”, ha affermato il card. Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della CEI.

Caritas Italiana in contatto con l’Equipe della Caritas locale

Lo stanziamento della CEI aiuterà, attraverso Caritas Italiana, a far fronte alle prime necessità. Caritas Italiana, che collabora da molti anni con le Caritas in Marocco in vari progetti a favore di persone particolarmente vulnerabili, come i migranti e minori non accompagnati,  è in contatto con l’Equipe Caritas locale e segue con attenzione le notizie che giungono dal Paese nordafricano per monitorare la situazione e valutare gli interventi più urgenti.

“In questo momento – dice il direttore don Marco Pagniello – possiamo solo esprimere a parole tutta la nostra solidarietà, assicurando il sostegno delle nostre comunità che sapranno dare, nei prossimi giorni, segni concreti di vicinanza e condivisione”.

È possibile contribuire agli interventi di Caritas Italiana per questa emergenza, utilizzando il conto corrente postale n. 347013, o donazione on-line, o bonifico bancario specificando nella causale “Terremoto Marocco” tramite:

• Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 24 C 05018 03200 00001 3331 111
• Banca Intesa Sanpaolo, Fil. Accentrata Ter S, Roma – Iban: IT 66 W 03069 09606 100000012474
• Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT 91 P 07601 03200 000000347013
• UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063 119


Raccolta di materiale per l’emporio solidale Ti senghè, il grazie della Caritas diocesana

Riuscita la raccolta di materiale scolastico organizzata venerdì 1 settembre 2023, all’emporio solidale “Ti senghè” di Termoli per aiutare le famiglie in difficoltà.

« Sentiamo di dover esprimere un grazie di cuore – affermano Vito Chimienti e Anna Bernardi, direttori della Caritas diocesana di Termoli-Larino – a quanti hanno contribuito alla raccolta di materiale di cancelleria promossa dall’emporio solidale Caritas in vista del nuovo anno scolastico. Abbiamo ricevuto quaderni, pastelli, pennarelli, diari, astucci, zaini e le prime famiglie hanno già iniziato ad acquistare il necessario grazie alla tessera punti emessa dal Centro di Ascolto. È sempre sorprendente constatare la generosità della risposta ai nostri inviti, segno di una comunità attenta ai bisogni degli ultimi e pronta a mettersi in gioco. L’emporio, che serve circa 230 famiglie del territorio, vive anche grazie alle tante donazioni che riceviamo ».

La raccolta continua durante tutto l’anno nei giorni di apertura dell’emporio, in via Alfano a Termoli: il lunedì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 18.30 e il venerdì dalle 10.00 alle 12.00.


Raccolta di materiale scolastico per l’emporio solidale Caritas Ti Senghé di Termoli

Venerdì 1 settembre 2023 dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00, in via Alfano a Termoli, l’emporio solidale “Ti senghè” sarà aperto per raccogliere materiale scolastico da destinare alle famiglie in difficoltà. Sarà possibile donare all’emporio: quadernoni a righe e a quadretti, album da disegno, diari, zaini, astucci, materiale vario di cancelleria (pastelli, pennarelli, matite, penne cancellabili e non, righe, squadre, correttori, gomme, temperamatite etc).

Il materiale raccolto sarà destinato alle famiglie che usufruiscono dei servizi dell’emporio solidale della Caritas diocesana di Termoli – Larino. Ogni beneficiario dell’emporio ha una tessera sulla quale, previo accertamento dei requisiti, vengono caricati dei punti che vengono poi utilizzati per “acquistare” i prodotti pagandoli in punti anziché in euro. Oltre a generi alimentari di prima necessità e prodotti per l’igiene personale e della casa, all’emporio si possono trovare anche materiali scolastici.

“La raccolta di materiale scolastico – affermano Vito Chimienti ed Anna Bernardi, direttori della Caritas diocesana di Termoli – Larino – ha come obiettivo quello di garantire ai beneficiari dell’emporio la possibilità di tornare a scuola con tutto ciò che serve per lavorare bene. Le spese scolastiche, soprattutto in questo periodo di crisi, gravano pesantemente sul bilancio familiare già provato dalla diminuzione del potere d’acquisto e la possibilità di trovare questi prodotti sugli scaffali dell’emporio aiuterà le 232 famiglie che attualmente serviamo”.


“NOI + Valorizza te stesso, valorizzi il volontariato: incontro di formazione a Larino

Incontro formazione per volontari Caritas diocesi Termoli – Larino

L’incontro si è svolto sabato 17 giugno 2023 ed è stato guidato da Sonia Sdrubolini della Caritas Marche, impegnata nella formazione a livello regionale e nazionale.Tema affrontato: “NOI + Valorizza te stesso, valorizzi il volontariato”. Di seguito alcuni spunti riflessione di Vito Chimienti e Anna Bernardi, direttori della Caritas diocesana: “Partendo dalla fratelli tutti di Papa Francesco (272) si punta su un servizio che non parte dalla ragione, ma dal cuore, per fondare una fraternità vera. Fare gruppo è più facile che fare fraternità. Il nostro servizio verso i bisognosi – osservano Vito e Anna – ha come base la preghiera che dà fondamento al nostro operato, in ogni forma e situazione: mensa, centro di ascolto, emporio…e altro. Siamo come un triangolo equilatero, tutti agganciati uno all’altro ed è questo che fa la fraternità. È questo che valorizza prima noi e poi il nostro servizio come volontari. I riferimenti evangelici – continuano Vito e Anna – sono Marta e Maria e l’episodio della samaritana. Da qui, bisogna trasformare chi si incrocia in incontri che ti fanno sempre ricominciare, un continuo morire e risorgere. Strumenti per fare questo sono: l’ascolto attivo, mettersi nei panni dell’altro e smettere di pensare di essere dalla parte giusta. La giustizia vera è la misericordia ed è questo l’atteggiamento da attuare verso chi è nel bisogno”.

Dopo uno scambio di esperienze di vita i presenti hanno ascoltato Luca, un ragazzo che ha partecipato al convegno nazionale delle Caritas diocesane a Salerno e, nell’occasione, ha presentato il progetto Young Caritas, un’opportunità per i giovani di fare esperienza attiva in Caritas.

In conclusione, è stato diffuso un breve discorso di don Marco Pagniello, direttore Caritas nazionale, in cui ribadisce che la Caritas è la Chiesa e che il futuro è legato alla corresponsabilità e alla collaborazione con gli enti pubblici, perché i poveri li avremo sempre con noi e il lavoro sinergico è indispensabile. L’incontro si è concluso con una apericena. I direttori ringraziano tutti coloro che hanno partecipato all’iniziativa.


“Noi più, valorizza te stesso, valorizza il volontariato”: Caritas organizza incontro di formazione a Larino

Noi più, valorizza te stesso, valorizza il volontariato. Incontro di formazione per volontari Caritas come momento conclusivo di un anno di servizio ai poveri, formazione e riflessioni sulla valorizzazione di sé e restituzione come valore di servizio verso i fratelli e le sorelle in difficoltà. Si svolgerà sabato 17 giugno 2023, a Larino, nella casa di formazione diocesana “San Giovanni XXIII” a partire dalle 17. Interviene Sonia Sdrubolini della Caritas di Senigallia.


Corro per raggiungere la meta: evento solidale a Termoli promosso dalla Caritas

Si terrà giovedì 27 aprile dalle 9.00 alle 12.00 e venerdì 28 dalle 16.00 alle 18.00 la seconda edizione del progetto “Corro per raggiungere la meta” promosso dalla Caritas diocesana di Termoli – Larino per riflettere con i ragazzi delle scuole e delle parrocchie della città sul tema della mondialità e dello squilibrio nel rapporto Nord – Sud del mondo. Appuntamento quindi allo stadio comunale “G. Cannarsa” per un momento di festa e di condivisione all’insegna dello sport e del divertimento: i partecipanti si cimenteranno in una gara non competitiva aperta a tutti, sportivi e non, con l’obiettivo di raccogliere fondi per un microprogetto di sviluppo di Caritas Italiana in Mozambico destinato all’acquisto di materiale scolastico per i bambini che frequentano la parrocchia del Bom Pastor nella città di Mafambisse.

“Nei giorni precedenti la corsa  – raccontano Vito Chimienti ed Anna Bernardi, direttori della Caritas diocesana di Termoli – Larino, gli operatori Caritas, in collaborazione con gli insegnanti delle scuole primarie e secondarie di primo grado partecipanti e con le catechiste delle parrocchie, hanno svolto laboratori di approfondimento per riflettere con i ragazzi sul tema della solidarietà e degli squilibri tra il Nord e il Sud del mondo. Questo è per noi un passaggio di fondamentale importanza perché significa rispondere alla vocazione pedagogica di Caritas, impegnata sul territorio anche a sensibilizzare e creare cultura”.

Si ringraziano il Comune di Termoli, tutte le associazioni e coloro che hanno condiviso con sensibilità l’iniziativa di solidarietà.


Open day, il 12 marzo raccolta di generi di prima necessità all’emporio solidale ‘Ti senghè’ di Termoli

La Caritas diocesana di Termoli – Larino propone anche per la Quaresima, così come fatto in Avvento, una giornata di apertura straordinaria dell’emporio solidale “Ti senghè”, opera segno della diocesi in cui le persone in stato di difficoltà socio – economica possono fare la spesa attraverso una tessera punti erogata dal Centro di Ascolto.

Il 12 marzo, infatti, l’emporio sarà aperto dalle 10 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.00 nella sua sede di via Alfano 5  a Termoli per accogliere quanti vorranno visitarlo per saperne qualcosa in più e donare generi alimentari e prodotti per l’igiene personale e della casa.

In particolar modo, sono utili per l’emporio in questo periodo: colombe ed uova di Pasqua, latte a lunga conservazione, tonno, carne in scatola, merendine, succhi di frutta detersivi da bucato e per l’igiene della casa.

Gli open day – affermano Vito Chimienti e Anna Bernardi, direttori della Caritas diocesana – sono occasioni di incontro con la cittadinanza in cui tocchiamo con mano la generosità di tanti e la cura della comunità per i più poveri. Sono inoltre occasione di dialogo e di confronto con chi vuole approfondire la conoscenza di questa realtà”.

 


Terremoto in Turchia e Siria: il 26 marzo colletta nazionale per le popolazioni colpite

L’immane tragedia del terremoto in Turchia e Siria ci sta raggiungendo in questi giorni e le sue proporzioni diventano sempre più terribili in considerazione delle migliaia di morti e feriti e della devastazione di intere regioni. Facendo proprio l’appello di Papa Francesco, lanciato al termine dell’udienza generale di mercoledì 8 febbraio, la Presidenza della CEI a nome dei vescovi italiani ha rinnovato profonda partecipazione alle sofferenze e ai problemi delle popolazioni di Turchia e Siria provate dal terremoto. Un primo stanziamento di 500mila euro, proveniente dai Fondi dell’otto per mille, è stato già inviato per i primi interventi tramite Caritas Italiana che coordina le attività.

Consapevole della gravità della situazione, la Presidenza della CEI ha così deciso di indire una colletta nazionale, da tenersi in tutte le chiese italiane domenica 26 marzo 2023 (quinta di Quaresima): “sarà un segno concreto di solidarietà e partecipazione di tutti i credenti ai bisogni, materiali e spirituali, delle popolazioni terremotate. Sarà anche un’occasione importante per esprimere nella preghiera unitaria la nostra vicinanza alle persone colpite”. Le offerte dovranno essere integralmente inviate a Caritas Italiana entro il 30 aprile 2023.

La Diocesi di Termoli-Larino, come evidenziato dal vescovo, mons. Gianfranco De Luca, condivide e rinnova questo appello, invitando tutti a partecipare alla colletta nazionale dando un segno concreto di solidarietà alle popolazioni così duramente colpite da questa catastrofe umanitaria che hanno bisogno di tutto.

Sin d’ora è, comunque, possibile sostenere gli interventi di Caritas Italiana per questa emergenza, utilizzando il conto corrente postale n. 347013, o donazione on line tramite il sito www.caritas.it o bonifico bancario specificando nella causale “Terremoto Turchia-Siria 2023” tramite:

  • Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111
  • Banca Intesa Sanpaolo, Fil. Accentrata Ter S, Roma – Iban: IT66 W030 6909 6061 0000 0012 474
  • Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013
  • UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119


Preghiera e vicinanza per l’emergenza terremoto in Turchia e Siria. Rete di solidarietà con la Caritas: ecco come donare

La Diocesi di Termoli-Larino, attraverso la Caritas, si unisce alla Conferenza Episcopale Italiana e a Caritas Italiana nell’esprimere profondo cordoglio e vicinanza alle popolazioni della Turchia e della Siria colpite dal devastante terremoto di lunedì 6 febbraio 2023.

La Conferenza Episcopale Italiana ha già stanziato 500mila euro dai fondi 8×1000 come primo aiuto. Caritas Italiana, da anni impegnata nei due Paesi, è in costante contatto con le Caritas locali per offrire aiuto e sostegno.

La Caritas diocesana di Termoli – Larino invita a sostenere gli interventi di Caritas Italiana utilizzando il conto corrente postale n. 347013, con una donazione on-line sul sito www.caritas.it o tramite bonifico bancario specificando nella causale “Terremoto Turchia-Siria 2023”:

  • Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111
  • Banca Intesa Sanpaolo, Accentrata Ter S, Roma – Iban: IT66 W030 6909 6061 0000 0012 474
  • Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013
  • UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U020 0805 2060 0001 1063 119