Archivi della categoria: News

AVVISO DI MODIFICA ORARI DEL CENTRO DI ASCOLTO

Si comunica che la Caritas Diocesana ha modificato gli orari del Centro di Ascolto e le procedure di accesso allo stesso.
Per prevenire assembramenti e concentrazione di persone le funzioni di ascolto saranno effettuate esclusivamente per via telefonica e solo ove vi è reale necessità su appuntamento fissato in accordo con i volontari.
Per parlare con i volontari e prendere appuntamento si potrà chiamare il numero 0875 701401 solo nei seguenti giorni e orari:
LUNEDÌ dalle 10.00 alle 12.00
MERCOLEDÌ dalle 10.00 alle 12.00
VENERDÌ dalle 10.00 alle 12.00


Benvenuti nel nostro (e vostro) nuovo sito Caritas

Il lancio nel momento di emergenza sanitaria vuole rappresentare un ulteriore segno di vicinanza alla popolazione per condividere tutti i servizi e i progetti attuati

È online da oggi, 24 aprile 2020, all’indirizzo http://www.caritas.diocesitermolilarino.it il nuovo sito della Caritas diocesana di Termoli – Larino. Una scelta, quella di rendere il sito della Caritas uno spazio autonomo ma collegato all’interno di quello diocesano, che sottolinea il legame dell’ufficio pastorale della Carità con tutte le attività della diocesi stessa.

Si tratta di un sito completo e progettato per adattarsi ai vari dispositivi (responsive) in cui, oltre ai contatti, è possibile trovare un’accurata descrizione dei servizi svolti e dei progetti portati avanti. Non manca, ovviamente, una sezione dedicata all’emergenza Coronavirus in cui sarà possibile trovare le notizie e i servizi rispetto a quanto la Caritas diocesana sta portando avanti e i riferimenti alle attività delle parrocchie, dei Comuni e della Regione.

In un mondo in cui la comunicazione assume un ruolo centrale – afferma suor Lidia Gatti, direttrice della Caritas diocesana – la promozione del nuovo sito è un modo per raccontarci, per far conoscere meglio la nostra realtà nelle sue tante sfaccettature. Il fatto che il lancio, condiviso e sostenuto dal nostro Vescovo Gianfranco, avvenga proprio durante l’emergenza Covid – 19 testimonia la volontà di essere accanto alle persone, sia con i servizi che continuiamo ad erogare, sia attraverso la presenza sul web, luogo attraverso il quale possiamo anche veicolare storie di vita, notizie, approfondimenti e riflessioni. Un modo ulteriore di valorizzare i mezzi di comunicazione sociale e dare impulso a processi di promozione umana integrale cercando di attuare una maggiore uguaglianza tra gli uomini, oltre ad arricchire le menti. È proprio questo il senso che vogliamo dare al nostro sito Caritas”.

Oltre al sito continua a essere attiva (e collegata al sito stesso) anche la pagina Facebook della Caritas diocesana che così, attraverso i social e il web, si impegna ad abitare responsabilmente il mondo della comunicazione.


Aiutaci ad aiutare: come donare

Tante sono le persone che si rivolgono a noi per un sostegno e un aiuto in questo periodo di emergenza, ma altrettanta è la ricchezza e la solidarietà che stiamo sperimentando grazie a tante associazioni e singoli cittadini che stanno donando alla nostra struttura beni primari e offerte economiche.
La Caritas Diocesana ha visto aumentare le persone che si rivolgono alle suore e ai volontari per avere un pasto caldo o altri beni di prima necessità e in molti ci stanno chiedendo come sostenerci e poterci dare una mano.
Per questo condividiamo con tutti voi i riferimenti per fare una donazione da destinare all’acquisto di quanto necessario per affrontare questa emergenza e continuare il nostro servizio agli ultimi e a chi è in difficoltà.
Le offerte possono essere versate sul Conto Corrente intestato alla:

Caritas diocesana – Ufficio Tesoreria
IBAN: IT77A0760103800000010863868
Banca: Poste italiane ag. di Termoli
Causale: emergenza coronavirus

 

 


“SpesaSOSpesa”, donazione della Despar Larino alla Caritas

La società Miscione e Di Maria srl titolare del punto vendita Despar a Larino ha il piacere di comunicare che nei giorni scorsi è stata fatta una donazione alla Caritas Italiana di Larino.

«In un momento difficile come questo in cui l’Italia intera soffre per la perdita di molte vite umane a causa del Covid-19 ci sembra doveroso pensare anche a chi, avendo perso un lavoro e non avendo un reddito, si trovi in una situazione economica di seria difficoltà. Despar centrosud da diversi giorni si è fatta promotrice di una campagna denominata “SpesaSOSpesa” invitando i clienti a partecipare ad una raccolta solidale di generi di prima necessità da lasciare nei carrelli dei supermercati che aderiscono a tale iniziativa. Noi di Despar Larino, aderendo da subito, abbiamo pensato che le prime
persone che avevano un obbligo morale nei confronti delle persone meno abbienti erano i titolari dei punti vendita. Ed è per questo motivo che abbiamo deciso di donare diversi beni di prima necessità alla Caritas Italiana di Larino e nello stesso tempo invitiamo, per quanto possibile, tutti coloro che ne hanno la possibilità di fare la stessa cosa nei Comuni di residenza».


Messa celebrata dal Vescovo in diretta Facebook dalla Cappella dell’Istituto Gesù e Maria

Domenica 29 marzo alle 8 il Vescovo mons. Gianfranco de Luca ha celebrat la Santa Messa, senza concorso di popolo, alla cappella dell’Istituto Gesù e Maria – Cittadella della Carità nel centro storico di Termoli come segno di vicinanza per sostenere l’impegno che la Chiesa diocesana porta avanti per tutti coloro che, nella loro fragilità, vivono le conseguenze e della situazione che viviamo. La celebrazione … Continua a leggere Messa celebrata dal Vescovo in diretta Facebook dalla Cappella dell’Istituto Gesù e Maria »

Caritas e Nati per leggere Molise: la cultura della lettura come strumento per rispondere anche alla povertà educativa

Lunedì 16 dicembre 2019 dalle 17 incontro rivolto ai bambini in età prescolare alla Caritas in collaborazione con l'associazione Nati per leggere Molise

La Caritas diocesana di Termoli – Larino e l’associazione Nati per Leggere Molise mettono insieme le proprie forze e le proprie competenze per diffondere la cultura della lettura per i bambini fino a sei anni nella consapevolezza che questo possa essere uno strumento prezioso per rinsaldare la relazione adulto – bambino, favorire lo sviluppo del linguaggio e promuovere forme nuove di incontro, socializzazione e integrazione. Allo stesso tempo questa alleanza, che può rispondere in maniera adeguata alla crescente povertà educativa diffusa anche nel nostro territorio, sostiene le famiglie e diventa occasione per far svolgere al bambino attività appassionanti ed allo stesso tempo formative.
In occasione del Natale, presso la Caritas diocesana di Termoli – Larino (piazza Bisceglie, 1 a Termoli, nel centro storico) verrà promosso un incontro di lettura per bambini in età prescolare. L’appuntamento è per lunedì 16 dicembre 2019 alle ore 17.
Per maggiori informazioni: 0875.701401; segreteria@caritastermolilarino.it

La speranza dei poveri non sarà mai delusa

Settimana del povero, il cuore grande dei giovani e della comunità a servizio degli ultimi

Suor Lidia Gatti: “Si rinnova l'idea di una Caritas aperta sempre, non solo per i nostri ospiti come già accade, ma anche per quanti vogliono darci una mano mettendosi a servizio delle tante fragilità del nostro territorio”.

Una settimana intensa e ricca di iniziative che hanno evidenziato ancora una volta l’importanza di creare comunità accoglienti e solidali che sappiano essere “casa” per quanti vivono situazioni di bisogno. Conclusa la seconda edizione della Settimana del Povero promossa dalla Caritas diocesana di Termoli – Larino dall’11 al 17 novembre 2019.

La colazione preparata dagli studenti dell’Istituto Alberghiero “Federico di Svevia” di Termoli, la condivisione del pranzo, la cena offerta dalle parrocchie con canti, balli e karaoke hanno contribuito a porre al centro della settimana gli ultimi, i poveri, coloro che spesso vengono dimenticati.

I laboratori organizzati al mattino con gli studenti del triennio delle scuole superiori della città hanno rappresentato un momento proficuo di confronto, scambio ed approfondimento sui temi legati alle povertà. I ragazzi si sono lasciati interrogare, cosa per nulla scontata, da quanto proposto e, in alcuni casi, è stato visibile un cambiamento di idee ed un superamento dei pregiudizi di partenza.

La Settimana del Povero – afferma suor Lidia Gatti, direttrice della Caritas diocesana – ci ha dimostrato ancora una volta il grande cuore delle persone. Dagli studenti, ai dirigenti scolastici, ai volontari delle parrocchie: tutti si sono lasciati coinvolgere mettendosi in gioco per una buona riuscita dell’iniziativa. Al termine di questa settimana, vorrei sottolineare l’idea di una Caritas aperta sempre, non solo per i nostri ospiti come già accade, ma anche per quanti vogliono darci una mano mettendosi a servizio delle tante fragilità del nostro territorio“.


La speranza dei poveri non sarà mai delusa

Caritas aperta con la seconda Settimana del povero: il programma delle iniziative (11-17 novembre 2019)

Sette giorni di iniziative per rinnovare l'attenzione agli ultimi e diffondere principi di giustizia e solidarietà nei confronti di chi vive situazioni di disagio ed emergenza. Mensa aperta anche a colazione con gli studenti dell'Alberghiero, laboratori tematici con le scuole, testimonianze, cena nelle parrocchie cittadine e festa conclusiva.

Si svolgerà dall’11 al 17 novembre 2019 la seconda edizione della Settimana del Povero promossa dalla Caritas diocesana di Termoli – Larino.

In continuità con il messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale del Povero (17 settembre 2019) dal titolo “La speranza dei poveri non sarà mai delusa“, la Caritas si propone di porre al centro dell’attenzione gli ultimi, quanti sono spesso vittime di disagio economico, psicologico o relazionale, quanti non hanno una casa, quanti fuggono dal proprio paese per le guerre e la fame o quanti vivono forme di dipendenza dall’alcol, dalla droga o dal gioco d’azzardo.

Nel corso della Settimana del Povero la mensa della Caritas sarà aperta non solo a pranzo, come d’abitudine, ma anche a colazione grazie alla disponibilità e al servizio offerto dagli studenti dell’Istituto Alberghiero “Federico di Svevia” di Termoli. Inoltre, gli studenti del triennio di alcune scuole superiori di Termoli saranno i protagonisti dei laboratori tematici che si svolgeranno dal lunedì al venerdì mattina affrontando gli argomenti della tratta degli esseri umani, delle migrazioni, dei senza fissa dimora e delle nuove povertà.

Un’occasione importante per far conoscere, anche grazie alle testimonianze di chi vive queste situazioni in prima persona, tematiche sulle quali spesso i giovani hanno informazioni sommarie o provenienti da fonti poco attendibili.

Ogni sera alle 18, poi, nelle diverse parrocchie della città, ci sarà la possibilità, per chi vive situazioni di bisogno, di condividere la cena e di vivere un momento di festa e fraternità con la comunità. Questo vuole essere un modo per promuovere, come afferma Papa Francesco, una Chiesa in uscita capace di accoglienza e solidarietà.

La Settimana del Povero si concluderà domenica 17 novembre 2019 alle 18, nella mensa della Cittadella della Carità, con un momento di preghiera interconfessionale, la cena e l’animazione a cura della Famiglia Francescana con la partecipazione del Vescovo, Gianfranco De Luca.

Condividiamo questa settimana di iniziative – afferma suor Lidia Gatti, direttrice della Caritas diocesana – da un lato, per far crescere l’attenzione verso ogni persona in difficoltà e che attraversa momenti di estrema fragilità sostenendo gesti di ascolto, accoglienza e vicinanza nei confronti di ogni possibile disagio, non solo economico.

Dall’altro, per diffondere un’opera di educazione al servizio e alla cultura della solidarietà e del volontariato, per coinvolgendo le nuove generazioni andando così a promuovere sentimenti e principi di giustizia e collaborazione in quanto spesso le situazioni di disagio e varie forme di ingiustizia dipendono proprio dalla mancanza del riconoscimento di diritti. Perché la Carità che viviamo nell’oggi diventi la giustizia del domani mettendo a cuore principi di fraternità.

La sede della Caritas diocesana è a Termoli in piazza Bisceglie, 1 (sopra la scala a chiocciola del porto). Si entra alla mensa dal piazzale del porto (cancello inizio salita via del Porto).

Per tutte le informazioni è possibile contattare il numero: 0875701401.

Giornata del migrante e del rifugiato, Caritas: “Gli ultimi sempre al primo posto”

Messaggio della Caritas diocesana in occasione della 105esima Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato (29 settembre 2019): “Vicini a tutte le persone che a prescindere dalla nazionalità, dal colore della pelle e della religione stanno attraversando un momento di esclusione ed emarginazione”

La Chiesa celebra la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato dal 1914. È sempre stata un’occasione per dimostrare ed esprimere preoccupazione per le diverse categorie di persone vulnerabili in movimento, per pregare per le sfide e aumentare la consapevolezza sulle opportunità offerte dalla migrazione. Nel 2019, la Giornata verrà celebrata domenica 29 settembre.

Papa Francesco ha scelto il tema Non si tratta solo di migranti per mostrarci i nostri punti deboli e assicurarci che nessuno rimanga escluso dalla società, che sia un cittadino residente da molto tempo, o un nuovo arrivato. A tal proposito, la Caritas della Diocesi di Termoli-Larino ha voluto diffondere una riflessione rivolta all’intera comunità per sensibilizzare ogni persona su un tema che riguarda tutti:

Non si tratta solo di migranti: si tratta di mettere gli ultimi al primo posto”, questa affermazione del Santo Padre da sola potrebbe bastare a spiegare il senso della giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2019. Forse a guardar bene non dovremmo chiamarla giornata del migrante, ma giornata dell’umanità, poiché essa riguarda intrinsecamente ognuno di noi. Andare oltre le distinzioni straniero/italiano, uomo/donna, ci permette di andare alla radice della questione, e cioè alla paura di incontrare l’altro, tipica della nostra società, dove “globalizzazione dell’indifferenza”, individualismo e mentalità utilitaristica, fanno di ogni persona un estraneo, uno straniero.

Ed è proprio in un’ottica di contrasto a questa mentalità imperante che la nostra Diocesi, per tramite della sua Caritas, si adopera per promuovere e sostenere attività, servizi e progetti che vedono come destinatari tutte quelle persone, che a prescindere dalla nazionalità, dal colore della pelle, dalla religione stanno attraversando un momento della loro vita caratterizzato da esclusione ed emarginazione che nella società della “cultura dello scarto”, trasforma ognuno di loro in un invisibile, un estraneo, uno straniero.

È per questo che la giornata del migrante e del rifugiato non può e non deve concludersi alla mezzanotte del 29 settembre ma deve durare tutto l’anno, 365 giorni, fino a quando avremo la forza di ascoltare gli inascoltati e di dare voce a chi non ha voce”.